Perchè le aziende dovrebbero avere un sito web responsive?

Scritto da Super User on . Postato in Blog

Innanzitutto partiamo dando una definizione di sito web responsive. Il termine italiano che meglio traduce la parola inglese responsive è adattivo. Se associamo questo concetto ad un sito web stiamo affermando che il sito dev’essere in grado di adattarsi alle dimensioni dello schermo dal quale l’utente visualizza il sito, dalla tipologia e dall’orientamento del device utilizzato per la navigazione sul web. In termini pratici il sito web sarà in grado di adattarsi automaticamente a qualsiasi piattaforma utilizzata dall’utente, sia che si tratti di PC desktop, sia che si tratti di Tablet piuttosto che di Smartphone.

Sito respondive

Perché è indispensabile che il sito sia “mobile-friendly”?

La risposta è semplice, basti pensare che uno studio condotto dall’agenzia BrightEdge, specializzata in servizi SEO e di Content Marketing, ha riportato che il 57 % degli utenti usano i dispositivi mobili (Smartphone e Tablet) per collegarsi ad Internet.
E’ fondamentale, quindi, riuscire a rendere l’esperienza di navigazione fruibile anche all’utente che preferisce navigare con lo Smartphone.

Quali sono gli elementi principali da considerare quando progettiamo un sito responsive?

Il sito dev’essere user-friendly
La navigazione dovrà essere semplice e i contenuti dovranno risultare di facile consultazione. Testi, immagini e layout dei contenuti devono adattarsi graficamente al device dal quale si sta navigando semplificando il processo di acquisizione delle informazioni per l’utente.

Il sito deve caricarsi velocemente
E’ necessario ottimizzare immagini ed eventuali video presenti nel sito in modo da velocizzare il caricamento delle pagine. Il motivo? Per Google è un fattore di ranking e molto spesso i dispositivi mobili hanno hardware meno performanti rispetto ai PC desktop e le connessioni che utilizzano sono meno potenti.

Quali sono i vantaggi che un’azienda può immediatamente osservare?

Miglioramento dell’indicizzazione del sito web sui motori di ricerca
A partire da Maggio 2016 l’algoritmo di Google, utilizzato per indicizzare i siti web, penalizza tutti i siti non responsive facendoli scomparire dai risultati di ricerca o posizionandoli in fondo alla lista. L’obiettivo della vostra azienda dev’essere quello di ottenere la miglior visualizzazione possibile del sito a prescindere dal dispositivo utilizzato.

Aumento del tempo di permanenza dell’utente sul sito
Se un utente riscontra difficoltà a navigare sul vostro sito probabilmente lo abbandonerà nel giro di pochi secondi. Google ha la possibilità di ottenere i dati relativi al tempo che mediamente un utente trascorre all’interno del sito considerandolo come un elemento imprescindibile per determinare il valore dello stesso. Il valore si innalzerà proprio perché i siti responsive soddisferanno gli utenti in termini di esperienza d’uso, questo si tradurrà in un incremento del tempo di permanenza all’interno del sito che Google ricompenserà con un miglior posizionamento.

Aspetto social
I social sono il mezzo promozionale per eccellenza. Il sito responsive deve facilitare la condivisione dei suoi contenuti sui social. L’utente potrà diventare il promotore dei vostri contenuti consentendo al sito di incrementare la sua popolarità e generando un aumento di traffico e di engagement con ripercussioni positive per il brand aziendale.

L’argomento trattato è estremamente vasto e il nostro articolo vuole solo far riflettere le aziende che non hanno ancora considerato il passaggio ad un sito web responsive.
Per qualsiasi approfondimento o eventuali domande siamo a vostra completa disposizione.